sabato 21 ottobre 2017

#ioleggoperchè2017 LETTURA ANIMATA, Libreria Punto Einaudi

#ioleggoperchè2017 LETTURA ANIMATA: correte in libreria domenica 22 ottobre 2017 dalle ore 11:00. Potrete assistere alla lettura animata di 2 libri per bambini, curata da una nostra messaggera in collaborazione con i docenti e gli alunni della scuola Primaria Matteo Domini (Pontenuovo)! 
Tutti possono partecipare!VI ASPETTIAMO!!!!

22 ottobre 2017 dalle ore 11
Libreria Punto Einaudi
Via Le Pastine C.Commerciale
Sermoneta Shopping Center, 04013 Sermoneta
Telefono: 0773.1762378


#ioleggoperchè2017 LETTURA ANIMATA, Libreria Punto Einaudi

sabato 30 settembre 2017

ONCE UPON A TIME di Paolo Paccagnani - Libreria Magna Charta

ONCE UPON A TIME di Paolo Paccagnani  - Libreria Magna Charta

DOMENICA 8 OTTOBRE ORE 11,00
         la Libreria Magna Charta via Ardeatina, 460 Lavinio
                  Vi aspetta per condividere un’altra avventura letteraria, questa volta ci spostiamo nel Regno Unito e come nelle  fiabe iniziamo con…
                 
ONCE UPON A TIME       Di Paolo Paccagnani  

Il teatro vittoriano di Shaspeare: ROMEO E GIULIETTA e l’eterna tragedia dell’amore contrastato.
La follia vera o presunta di AMLETO, principe di Danimarca.
La poesia romantica inglese: le visioni di William Blake e la Ballata del vecchio marinaio di Samuel Taylor Coleridge.

Nei prossimi incontri …
La scrittura si tinge di rosa: Jane Austen, Charlotte Bronte, Emily Dickinson.
Scienza e mistero: un cocktail preparato con grande suspense da Robert Louis Stevenson e Sir Arthur Conan Doyle.



E’ richiesto un contributo di 3 Euro

mercoledì 12 luglio 2017

"La tentazione" , Fabrizio Peronaci - Libreria Magna Charta


Martedì 18 luglio ore 21.00 in libreria:

"LA TENTAZIONE. Una storia vera" di Fabrizio Peronaci

"LA TENTAZIONE. Una storia vera" di Fabrizio Peronaci

Libro-verità sui Carmelitani Scalzi e le reticenze di Santa Romana Chiesa
Il dossier all’esame di papa Francesco  su uno scandalo a luci rosse e la storia vera della relazione tra un alto prelato e una professoressa ripropongono  con urgenza il tema del celibato ecclesiastico.

Uno scandalo sessuale ambientato, di notte, tra i viali di Villa Borghese e le stanze del vicino convento. E una passione lunga una vita tra un insigne reverendo, a lungo ai vertici di una delle maggiori congregazioni della Chiesa, e una professoressa romana, oggi in pensione. La trasgressione, le lusinghe della carne e i tormenti d’amore in ambiente religioso sono al centro de “La tentazione” (Centauria, in uscita il 13 aprile), l’ultimo libro di Fabrizio Peronaci, giornalista d’inchiesta del Corriere della sera, già autore di due volumi sul mistero della scomparsa di Emanuela Orlandi. 

Il racconto, basato su fatti realmente accaduti, si snoda lungo un doppio binario. Il primo parte dallo scandalo a luci rosse esploso nell’ottobre 2015 nell’ordine dei carmelitani scalzi, per il quale Jorge Mario Bergoglio pronunciò pubbliche scuse a nome della Chiesa. Il clamore dei media fu intenso, quanto breve. Ma il reporter autore dello scoop continuò a indagare, portando a galla il dossier secretato, inviato a papa Francesco, relativo a episodi di sesso a pagamento in seno alla Casa generalizia dei seguaci di Santa Teresa d’Avila. Una vicenda torbida, mai conclusa con un regolare processo canonico, nonostante le esortazioni alla trasparenza venute anche dall’interno della gerarchia ecclesiastica.

La passione è invece quella esplosa a metà degli anni Sessanta tra il carmelitano Edoardo Raspini, all’epoca Padre Superiore della Provincia Romana, e una insegnante di lettere. Compagno premuroso e papà di due figlie – da lui riconosciute ufficialmente – «Eddy» passava ogni giorno molte ore con l’amata, per poi all’alba indossare la tonaca e tornare tra i confratelli a condividere pasti, celebrare messe, gestire le finanze comuni. Una doppia vita scandita da cene clandestine al ristorante, incontri in un alberghetto sulla via Flaminia, fughe al mare per ritagliarsi un loro spazio, sesso in auto (una Fiat Primula anni Sessanta), prelievi irregolari di danaro dalle casse della confraternita. Fino a che – nel giugno 1975 – la già rocambolesca relazione si trovò ad affrontare un’ulteriore prova: il coinvolgimento dello stesso padre Edoardo e di tre confratelli nel furto di un prezioso quadro secentesco del “Gherardo delle Notti” dal convento di Monte Compatri. L’opera, valutata nell’ordine dei milioni di euro, non è stata ancora ritrovata. Secondo la meticolosa e a tratti quasi divertita ricostruzione in presa diretta della professoressa, il “Gherardo” fu esportato illegalmente da due malavitosi ospiti della congregazione, in occasione di un viaggio su un’Audi prima in Svizzera e poi in Austria, presenti sul sedile posteriore proprio la Dama Nera (così ribattezzata nel libro) ed «Eddy», futuro padre delle sue bambine.

Fabrizio Peronaci riporta in vita in queste pagine un’incredibile storia vera, che lega insieme gli scandali dell’attualità, l’affresco di un’epoca e la lunga testimonianza di colei che fu la «moglie» del religioso. Traccia il profilo di due figure memorabili: una donna indomita, determinata a restare accanto al suo uomo a ogni costo, e un frate incapace di scegliere tra passione e vocazione. E ci spinge a interrogarci sui destini di una Chiesa in crisi anche a causa di un obbligo di castità continuamente disatteso, da più parti condannato, forse impossibile.

“Eddy era un uomo capace di gesti straordinari e di gran mascalzonate, come in fondo è la vita. Ha scelto me, mi ha amata, ha dato e ricevuto attenzioni, ma alla fine ha preferito un altro. Non è facile competere in amore, quando il tuo rivale è Dio.”

Fabrizio Peronaci, giornalista professionista, è caposervizio nella redazione romana del «Corriere della Sera» da oltre vent’anni. Tra i suoi libri Mia sorella Emanuela (con Pietro Orlandi, Anordest, 2011) e Il Ganglio (Fandango, 2014). Su Facebook: «Giornalismo investigativo by Fabrizio Peronaci».


LIBRERIA MAGNA CHARTA
Via Ardeatina 460- 00042 Lavinio
Tel.06.9815472
Fax 06.98128359

www.libreriamagnacharta.it

lunedì 10 luglio 2017

Appuntamenti luglio Libreria Magna Charta



"L'amore rubato" , Dacia Maraini - Libreria Punto Einaudi

In occasione della VI edizione dell’ormai tradizionale festa del quartiere Q4 di Latina che coniuga il mix vincente di musica dal vivo, buon cibo e dibattiti non mancherà l’ospite speciale. Il prossimo 11 luglio alle ore 20,30 Dacia Maraini, presenterà il suo libro "L’amore rubato" (Rizzoli), intervistata dalla giornalista Anna Scalfati. All’evento prenderanno parte la Libreria Punto Einaudi, l’assessora comunale Patrizia Ciccarelli e alcuni rappresentanti delle associazione contro la violenza di genere. Sarà un’occasione per discutere proprio di violenza di genere in un tempo in cui questo tema appare di stretta attualità. 

"L'amore rubato" , Dacia Maraini - Libreria Punto Einaudi

sabato 8 luglio 2017

"Il Grifone, la Scimmia e l'Usignolo". Antonio Scarsella - Il Levante Editore

La Libreria Punto Einaudi è lieta di invitarvi alla presentazione del nuovo libro di ANTONIO SCARSELLA "Il Grifone, la Scimmia e l'Usignolo" Il Levante Libreria Editrice sas LUNEDI' 17 LUGLIO ORE 20:45 Scuderia del Castello, Castello Caetani, Sermoneta
"Il Grifone, la Scimmia e l'Usignolo". Antonio Scarsella - Il Levante Editore


venerdì 7 luglio 2017

“Il controsgobbo” di Alessandro Canale – Marsilio editore

“Il controsgobbo” di Alessandro Canale – Marsilio editore
Partiamo dall'inizio, dal titolo per la precisione: nel gergo della malavita la parola “sgobbo” è intesa come furto, di conseguenza il “controsgobbo” si verifica quando un ladro ne anticipa un altro facendogliela di fatto sotto il naso.
Personalmente già dopo aver capito questo e grazie alla scrittura di Canale, ho subito pensato a Monicelli e alle sceneggiature di Age & Scarpelli, in particolare a “I soliti ignoti”: stessa atmosfera divertente, canzonatoria e amara insieme. Se non fosse che Duilio Sciobbica, detto Mortaretto, è tutto meno che uno sprovveduto e i suoi due mestieri li fa ad arte.
Ufficialmente attrezzista a Cinecittà, partecipa a grandi produzioni nazionali con Fellini e la Magnani, ma anche internazionali in film western o polizieschi ambientati a New York. Nelle pause però mette le sue mani di fata al servizio del furto, o meglio dello “sgobbo”. È talmente bravo, intelligente e gran pianificatore che negli anni '80 riesce a mettere a punto “il controsgobbo” del secolo, anticipando di fatto la banda dei trasteverini e dei corleonesi in trasferta a Roma, con uno dei colpi più fruttuosi mai raccontati.
Si toglie di mezzo per qualche anno e al suo ritorno apre una trattoria romana alla Magliana con l'amata moglie Silvana, cuoca sopraffina. Tutto bene, sembrerebbe solo una parentesi in attesa di godere i frutti del “controsgobbo”, invece a 69 anni Mortaretto si trova davanti l'ennesima sfida alla quale non può proprio sottrarsi.
Tra palazzinari, preti di frontiera, ladri moldavi, scimmiette acrobate, cenoni di Natale, Canale ci racconta l'ultima grande impresa di Mortaretto. Un romanzo nel quale la romanità la fa da padrona: l'”omo” disonesto ma di buon cuore, il sorriso sornione che solo un romano sa fare, il proverbio giusto al momento giusto e lo stornello quando serve, la faccia brutta con chi non riga dritto e la carezza più affettuosa del mondo per chi si ama.

Personaggi definiti, indimenticabili caratterizzano questo romanzo leggendo il quale è impossibile non ridere quanto commuoversi e sentire alla fine una grande nostalgia di tutti loro e la sensazione di avere qualcosa in più.

venerdì 23 giugno 2017

“Gli amici del venerdì” di Stefano Brusadelli – Mondadori

“Gli amici del venerdì” di Stefano Brusadelli – Mondadori
In alcuni casi è molto sottile la linea che separa la viglia di giustizia da quella di vendetta; i princìpi, l'etica, la morale ci portano a fare passi adeguati, nei confini della legalità, sperando di riuscire infine ad aver pace.
Ausilio Serafini, ex poliziotto romano, ci ha provato a fare luce sulla morte del suo collega, ha fatto tutti i passi giusti ma non ha trovato nessuna pace e per cercarla ha deciso di abbandonare il suo lavoro, la sua città, Roma, e sua moglie. Cinque anni dopo viene invitato da un suo amico, Gerardo Pavese, nella capitale. La richiesta è strana e fatta con strana insistenza. Non senza remore Ausilio lascia il nido sicuro che gli ha dato riparo per ritornare dove tutti i suoi demoni continuano ad assillarlo. Al suo arrivo un'amara sorpresa: l'amico che l'ha invitato, Gerardo, assassinato in modo violento e, apparentemente, senza motivo. È il primo passo per una discesa agli inferi che Ausilio aveva voluto evitare ma che ora si rende necessaria per portare a galla quelle verità che ha tanto cercato.
Un eroe cupo, quello dello scrittore e giornalista Stefano Brusadelli, che vaga sbandando sula labile confine che divide una voglia quasi animalesca di vendetta dal senso più umano, razionale e legato al suo passato di poliziotto, di assicurare i colpevoli alla giustizia. Chiunque essi siano: Politici corrotti, ex militari in vista nella Roma dei potenti, assassini al soldo del Diavolo o vecchi pensionati con le conoscenze giuste.
Non da ultime le descrizioni di una Roma sporca, corrotta e che corrode ma bella, tetra e splendente insieme, fanno di questo un noir intenso e potente. L'infima umanità descritta non può non nausearci e nonostante i suoi modi bruschi non possiamo non affezionarci al protagonista e tifare per lui, in qualsiasi caso.

Come lo stesso Ausilio “Roma è una città che non smette mai di disfarsi; e pure è sempre lì, intatta e indistruttibile”.

“Come in un film” di Régis De Sá Moreira – NN Editore

“Come in un film” di Régis De Sá Moreira – NN Editore
<<Lei: L'indomani.
Lui: L'indomani.
Lei: Dobbiamo andare avanti sennò non ci arriveremo mai.
Lui: L'indomani è passato un anno.
Lei: E chi l'ha visto passare, quello stronzetto.
Lui: Un anno d'amore.
Lei: Un anno di sesso.
Lui: Un anno di felicità.
Lei: È un po' come in un film, quando parte la canzone d'ammòre e vedi la coppia fare un sacco di cose fichissime.>>
Il nuovo romanzo di  Régis De Sá Moreira “Come in un film” è la storia di una vita insieme, una vita di coppia, una storia d'amore e passione, di litigi e tradimenti, Lei e Lui; gli stessi protagonisti ci raccontano tutto dal loro primo incontro, fino alle liti, le crisi, le riconciliazioni.
La forma scelta dall'autore è molto originale per essere un romanzo: sembra una sceneggiatura teatrale. Mentre leggiamo sembra di vederli, Lei e Lui, seduti su due semplici sedie su un palcoscenico spoglio, parlarci di loro; e mentre parlano noi immaginiamo di vederli fare quello che dicono. Ogni tanto irrompe in scena un osservatore esterno che commenta e sono tanti: dal tizio sul binario alla portinaia, dal cartellone pubblicitario davanti al caffè fino ad arrivare a Spielberg, Napoleone o King Kong!
Ci trascinano nel vortice della loro vita di coppia, che a ben guardare, potrebbe essere quella di ognuno di noi. L'originalità della narrazione diretta non fa altro che rafforzare e amplificare il senso di comprensione e vicinanza che proviamo leggendo.
La traduttrice Daniela Almansi, come scrive nella nota alla fine del romanzo, ha avuto un bel da fare per aiutare noi italiani a comprendere le tante citazioni: dai film ai libri, dai supermercati alle festività nazionali francesi, ma è stata bravissima. Tutto è funzionale al racconto; ci aiuta a collocare i personaggi nel tempo e nello spazio, nella generazione in cui sono cresciuti, a capire i loro gusti. Il risultato è che leggiamo, leggiamo, ci raccontano di loro e noi li vediamo, proviamo gioia con loro, paura, rabbia, delusione e di nuovo gioia insieme a loro.
Un'altra pubblicazione di NN Editore che ci ha convinto...speriamo piaccia anche a voi!



giovedì 15 giugno 2017

Vanessa Gravina interpreta Sepulveda - Libreria Magna Charta

Vanessa Gravina interpreta Sepulveda - Libreria Magna Charta
Clicca sulla locandina per ingrandirla

Sabato 24 giugno alle 21,00 Vanessa Gravina sarà ospite
della libreria Magna Charta per il reading:
"Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare ".
La Signora Gravina sarà accompagnata dalla chitarra classica
del Maestro Antonio D'Augello.
E' previsto un contributo di 5,00 €

giovedì 25 maggio 2017

Harper Collins Italia

Le librerie associate L.I.R. promuovono con piacere i libri della Harper Collins Italia.

Il coraggio della casa editrice e la varietà del suo catalogo ci hanno spinto ad avviare in questi mesi un percorso comune.

La vicinanza dell'editore alle librerie indipendenti ci dà profonda fiducia e convinzione che questa collaborazione potrà proseguire anche in futuro.


La Libreria Il Calamaio promuove Harper Collins
La Libreria Bellisari promuove Harper Collins
Libreria Il Calamaio Libreria Bellisari
La Libreria Hemingway Café promuove Harper Collins
La Libreria Il filo di Sofia promuove Harper Collins
Libreria Hemingway Café Libreria Il filo di Sofia
La Libreria Il Mattone promuove Harper Collins
La Libreria Il sole e la cometa promuove Harper Collins
Libreria Il Mattone Libreria Il sole e la cometa

La Libreria Imprevisti e probabilità promuove Harper Collins
La Libreria Italiana promuove Harper Collins
Libreria Imprevisti e probabilità Libreria Italiana
La Libreria La Vita Nova promuove Harper Collins
La Libreria Magna Charta promuove Harper Collins
Libreria La Vita Nova Libreria Magna Charta
La Libreria Origami promuove Harper Collins
La Libreria Pellicanolibri promuove Harper Collins
Libreria Origami Libreria Pellicanolibri
La Libreria Punto Einaudi promuove Harper Collins
La Libreria Risvolti promuove Harper Collins
Libreria Punto Einaudi Libreria Risvolti
La Libreria The Book promuove Harper Collins

La Libreria Tilopa promuove Harper Collins
Libreria The Book Libreria Tilopa
La Libreria Velitti promuove Harper Collins
La Libreria Venpred promuove Harper Collins
Libreria Velitti Libreria Venpred

mercoledì 24 maggio 2017

“Non lasciare la mia mano” di Michel Bussi – Edizioni E/O

“Non lasciare la mia mano” di Michel Bussi – Edizioni E/O


L'isola di Réunion, nell'Oceano Indiano, è un paradiso per i turisti: spiagge bianche, vegetazione lussureggiante, vulcani, meraviglie naturali da ammirare, alberghi lussuosi da vivere.
L'isola di Réunion, nell'Oceano Indiano, per i suoi abitanti è un inferno, per i creoli soprattutto, obbligati a lavorare come schiavi per i turisti, trovano consolazione nel buonissimo rum dell'isola e nella droga che spesso spinge giovani bellezze meticce alla prostituzione.
Due facce, un luogo pieno di contraddizioni dove Michel Bussi ha deciso di ambientare il suo ultimo romanzo.
Una giovane coppia, Martial e Liane Bellion, sono in vacanza con la loro bimba di sei anni Sofa; Soggiornano in uno degli alberghi più belli dell'isola, fanno conoscenza con altri turisti, si rilassano. Tutto bene finché un pomeriggio Liane scompare nel nulla, dalla camera d'albergo spariscono tutti i suoi vestiti e stranamente un coltello di un set per il barbecue, le uniche tracce della sua presenza sono purtroppo delle macchie di sangue. Tutto fa pensare che Liane sia stata aggredita e rapita o addirittura uccisa ma il suo cadavere non si trova.
La giovane comandante della brigata di gendarmeria, Aja Purvi, dirige le indagini insieme al collega Christos. Primo e unico sospettato: Martial, il marito di Liane.
Bussi ci trascina in una caccia all'uomo adrenalinica; Martial e la piccola Sofa in fuga sull'isola di Réunion ne attraversano ogni bellezza naturale facendole conoscere anche a noi che leggiamo. Cercando di mettere insieme ogni indizio per capire, chi, perché, come, ragioniamo con Aja e Christos e mentre succede tutto questo, Bussi ci racconta tutto, usanze, riti, leggende di un'isola piccola ma tra le più affascinanti.
Il desiderio, dopo il colpo di scena finale, sarà di vedere con i nostri occhi quello che Bussi ci ha fatto vedere con la sua penna.

venerdì 5 maggio 2017

“Tre piani” di Eshkol Nevo – Neri Pozza

“Tre piani” di Eshkol Nevo – Neri Pozza
Abbiamo letto il nuovo romanzo di Eshkol Nevo "Tre piani" (Neri Pozza), ci è piaciuto tanto e abbiamo scritto una piccola recensione:
Con il suo ultimo romanzo Eshkol Nevo ci apre le porte di un bel condominio residenziale nei pressi di Tel Aviv. I "tre piani" che danno il titolo al libro corrispondono a tre nuclei familiari diversi che vi abitano; Nevo ci mostra cosa si cela dietro quelle porte e i diversi livelli dell'anima che guidano i protagonisti delle tre storie. Perché i tre piani sono anche quelli mentali così come li ha concepiti Freud nel suo modello strutturale della mente poco meno di cento anni fa.
Al primo piano entriamo nella vita di una giovane coppia, Arnon e Ayelet e ascoltiamo la confessione di Arnon che diventa sempre più preda dei suoi istinti e dell'irrazionalità quando sospetta un abuso nei confronti di sua figlia Ofri.
Al secondo piano conosciamo l'Io desiderante di Hani, donna di mezza età che lotta con la solitudine e le sue fantasie nei lunghi e frequenti periodi nei quali il marito è fuori per lavoro.
L'ultimo piano ci racconta la storia di Dvora, un giudice in pensione che confida i suoi segreti al marito defunto registrando tutto sui nastri di una vecchia segreteria telefonica. Dopo aver passato la vita a giudicare gli altri ora Dvora deve guardare dentro se stessa e fare i conti con un passato che non la lascia in pace e torna prepotentemente nella sua vita offrendole l'occasione di una espiazione.
Nevo riesce sapientemente a tenere insieme tutti questi elementi e a regalarci "l'esperienza letteraria più intensa che ho avuto quest'anno" (cit. Guy Meroz).

Da leggere assolutamente.

“La fine dei vandalismi” di Tom Drury – NN Editore

“La fine dei vandalismi” di Tom Drury – NN Editore
L'ultima pubblicazione della casa editrice milanese NN, “La fine dei vandalismi” di Tom Drury, è un'altra interessante scoperta nel panorama della letteratura contemporanea americana.
Primo della trilogia di Grouse County (che verrà interamente pubblicata in Italia dalla NN editore) “La fine dei vandalismi” racconta la vita nella provincia americana; lo scrittore fa muovere e vivere i suoi personaggi, tutti diversi tra loro, attraverso le varie cittadine che compongono Grouse County, tutte diverse tra loro.
Contea immaginaria, cittadine immaginarie, Midwest immaginario ma la narrazione è talmente vivida, i fatti, i luoghi le usanze e le persone talmente reali da spingerci più volte a controllare che Grouse County non esista davvero. Le vite dello sceriffo Dan Norman, di Louise, Tiny, Mary, il giovane Albert, la studentessa di Taiwan Lu Chiang, scorrono via attraverso le stagioni, le elezioni del nuovo sceriffo, le fiere cittadine senza particolari accadimenti se non la vita stessa, con gioie e dolori che appartengono a tutti noi. Ed è proprio questo che rende “La fine dei vandalismi” un gran bel romanzo, leggere di persone come noi che amano, lavorano, soffrono come noi, solo però nella fantasia e nella stupefacente penna di Tom Drury.
Aspettiamo con ansia e ingordigia letteraria la traduzione dei prossimi volumi.

Presentazione del romanzo "Ultima la luce" di Gaia Manzini, Libreria Risvolti

Presentazione del romanzo "Ultima la luce" di Gaia Manzini, Libreria Risvolti